in Salute

Capelli e barba grigia? scoperto il gene colpevole

La scoperta arriva dall’University College London, ed è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications. Il gene responsabile dell’ingrigimento dei capelli si chiama IRF4. Le sue funzioni sarebbero quelle di regolare tutte le caratteristiche del pelo, incluse sopracciglia e barba. Il gene ha la funzione di gestore, fornendo tutte le altre caratteristiche tipiche del pelo,come la forma, il colore e lo spessore.

Lo studio dunque, afferma e conferma, che i capelli bianchi non sono la conseguenza di fattori esterni, come ad esempio l’ambiente che ci circonda, ma un fattore puramente genetico. In realtà Le caratteristiche del gene IRF4 erano già note agli studiosi ,in merito ad alcune funzioni inerenti al colore, ma non si era ancora scoperto che l’IRF4 potesse essere responsabile anche dell’ingrigimento dei capelli, barba e sopracciglia.La scoperta potrebbe tornare utile per contrastare questi meccanismi genetici e recuperare il colore naturale dei capelli, cosi come l’ispessimento dei peli miniaturizzati. Le tinture, i colori servono a ben poco, poiché bastano poche settimane e si è punto e a capo. Trovare una giusta terapia farmacologica potrebbe risolvere definitivamente questo problema, o meglio inestetismo.

Lo studio

La scoperta conferma quindi che la causa della chioma ingrigita non è ambientale bensì genetica. Una conclusione cui i ricercatori sono arrivati dopo aver analizzato il Dna di oltre 6.000 individui latinoamericani, ma con origini europee, africane e native americane. ”I geni collegati alla calvizie e al colore dei capelli li conosciamo già, ma questa è la prima volta che viene identificato il gene dei capelli grigi nell’uomo, insieme ad altri geni che controllano forma e densità dei capelli”, commenta Kaustubh Adhikari, primo autore dello studio.

Scoprire i primi capelli bianchi risulta sempre traumatico, a qualunque età e per entrambi i sessi.Bisogna semplicemente accettare serenamente l’avanzare dell’età.

Scrivi un commento

Commento