Conad ritira Gorgonzola dal mercato, possibile presenza di un batterio

By | 11 Nov 2016

La probabile presenza di Listeria monocytogenesi, batterio gram positivo, asporigeno , pericoloso per la salute, ha indotto la grande catena di supermercati Conad , in via precauzionale, a ritirare dai propri punti vendita un intero lotto di gorgonzola dolce dop, prodotto dalla Si Invernizzi di Trecate. Il lotto di gorgonzola incriminato Sapory&dintorni, in confezioni da 200 grammi , è possibile identificarlo con  scadenza indicata sulla confezione del 19/11/2016. Numero di lotto: 16279048, EAN: 8003170008557. Di seguito le zone in cui sono stati distribuiti i lotti di gorgonzola incriminati: Ancona, Arezzo, Avellino, Belluno, Benevento, Bergamo, Brescia, Caserta, Catanzaro, Como, Cosenza, Cremona, Crotone, Ferrara, Forlì-Cesena, Frosinone, Gorizia, Latina, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Napoli, Padova, Parma, Pavia, Perugia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Pordenone, Potenza, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Repubblica San Marino, Rieti, Rimini, Roma, Rovigo, Salerno, Sondrio, Terni, Treviso, Trieste, Udine, Varese, Venezia, Vibo Valentia, Viterbo. Intanto la Conad, per questo inconveniente, invia le proprie scuse a tutti i consumatori, invitando tutti coloro che hanno acquistato il suddetto gorgonzola, a verificare il numero di lotto ed eventualmente restituirlo al punto vendita in cui è stato acquistato al fine di scongiurare qualunque rischio per la salute, la Conad provvederà al rimborso. Intanto Renato Invernizzi, titolare dell’azienda casearia afferma  «Siamo d’accordo con Conad i consumatori vanno garantiti al 100%. I controlli hanno verificato che il batterio in questione era presente, pur in una percentuale molto inferiore al livello indicato dalla norma di legge. Da qui la decisione di richiamare e sostituire tutte le confezioni. Questi agenti patogeni – aggiunge Invernizzi – sono presenti nell’ambiente, e purtroppo possono arrivare a contaminare gli alimenti. In questo caso si tratta di un numero limitato di pezzi, visto che il lotto era quasi terminato».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *