Home Salute Dieta iperproteica e pancetta, si dimagrisce per i primi 6 mesi poi...

Dieta iperproteica e pancetta, si dimagrisce per i primi 6 mesi poi si ingrassa

Un regime alimentare basato sulla carne e dunque ricco di proteine tende a far dimagrire nei primi 6 mesi. E fin qui siamo tutti felici e soddisfatti. Tuttavia se non controllato, nel giro di 12-24 mesi un alimentazione ricca di proteine non solo non fa perdere peso ma in alcuni casi è stato dimostrato come si possa ingrassare di qualche chilo. Non si tratta di informazioni scritte da qualche appassionato di fitness su qualche forum a tema, ma sono il risultato di uno studio pubblicato su Cell Reports e condotto da un medico ricercatore Italiano.

Le diete sono la chiave per dimagrire, una corretta alimentazione agevola senza alcun dubbio la perdita di peso, quantomeno a tenerlo sotto controllo. Questo ci è stato insegnato da sempre ed in molti casi è proprio quello che accade. Esistono tante tipologie di diete, come sono altrettante le filosofie alimentari. Alcune lodevoli ed efficaci, altre decisamente fuori luogo, fantasiose e soprattutto inefficaci. Come ogni cosa anche per le classiche “diete buone” ci possono essere degli intoppi, il principale è l’abuso delle stesse. Come ogni cosa, l’eccesso può portare effetti collaterali, nel caso delle diete, invece di dimagrire finisce per far ingrassare.

Una delle diete più conosciute e maggiormente utilizzata, soprattutto dagli sportivi è senza dubbio la dieta Iperproteica. Un particolare regime alimentare caratterizzato da un ridotto consumo di carboidrati abbinato ad un elevato apporto di proteine e grassi.

Ecco, proprio la dieta iperproteica è finita sul banco degli imputati, secondo uno studio, dopo un dimagrimento iniziale nel lungo periodo si rischia di ingrassare! La notizia che potrebbe far storcere il naso a molti appassionati di fitness è emersa da uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Cell Reports , condotta dai ricercatori della Washington University di St. Louis (Usa) e dell’Università del Wisconsin di Madison (Usa), diretti dall’italiano professore in medicina Luigi Fontana. Secondo i dati evidenziati dalla ricerca il dimagrimento prodotto dalla dieta ipercalorica è solo momentaneo, dopo pochi mesi si riprendono i chili persi, non solo, se non si fa attenzione, il rischio è che i chili raddoppino.

Dieta iperproteica ingrassa? Lo studio

Sono stati condotti due esperimenti, il primo su roditori, il secondo sigli uomini. Nel primo esperimento sono stati alimentati due gruppi di topi con due differenti diete. Il primo gruppo di topolini ha ricevuto una dieta con solo il 7% di proteine, il secondo gruppo invece è stato nutrito con il 21% di alimenti proteici. A distanza di due mesi i risultati sono stati piuttosto evidenti, i roditori appartenenti al primo gruppo, nonostante avessero consumato quotidianamente più cibo e svolgessero la stessa attività fisica, erano decisamente più magri di quelli che avevano seguito l’alimentazione iperproteica. Inoltre, presentavano un minor rischio di sviluppare il diabete.

dieta-iperproteica

Anche sugli uomini

la ricerca tuttavia è andata oltre, analizzando anche un campione di 38 persone di mezza età, sia in sovrappeso che leggermente obese. Anche in questo caso i soggetti sono stati divisi in due gruppi da 19 persone.  Ad un gruppo è stato fornito un regime alimentare formato dal 50% di proteine, mentre gli altri 19 hanno eseguito una dieta a basso contenuto proteico, dove le proteine si attestavano tra il 7 e il 9%. Esattamente come con i roditori anche i risultati evidenziati dagli esseri umani è stato identico. Dopo 43 giorni il gruppo che aveva assunto meno proteine aveva perduto in media 2,6 kili in più rispetto al gruppo che aveva consumato una dieta ipercalorica. Inoltre, ridurre l’apporto proteico aveva determinato ulteriori benefici: aveva diminuito i livelli di glicemia nel sangue e abbassato il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2.

L’ipotesi

“Con una dieta dieta ricca di proteine l’organismo tende a perdere peso nei primi 6 mesi, ma più passa il tempo, più il vantaggio tende a svanire – spiega il professor Fontana -. Non bisogna esagerare, sia in eccesso che in difetto, ci vuole il giusto equilibrio. Diciamo che le linee guida consigliano tra il 12 e il 18% di proteine sull’energia giornaliera. Ma è meglio stare sul limite basso, anche attorno al 10%. Ridurre le proteine infatti fa perdere peso e massa grassa, con una riduzione significativa della glicemia”.