Home Italia & Esteri Migranti: migliaia di bambini bloccati alle frontiere in Grecia e nei Balcani

Migranti: migliaia di bambini bloccati alle frontiere in Grecia e nei Balcani

Le attuali politiche di deterrenza ed esclusione violano le norme di diritto internazionale in materia di diritti umani. I governi europei dovrebbero garantire il diritto legale a un processo di asilo basato sui bisogni, non sulla nazionalità.

Minori migranti: Save the Children, migliaia di bambini bloccati alle frontiere in Grecia e nei Balcani, almeno 2.500 nel solo campo di Idomeni in Grecia

“In seguito alla chiusura delle frontiere agli afgani e alla maggior parte delle altre nazionalità, sono in aumento i minori soli bloccati in un limbo e abbandonati a loro stessi. A peggiorare le cose c’è il fatto che i migranti si trovano ora costretti a scegliere se spendere i pochi soldi che gli rimangono in cibo o se darli ai trafficanti per proseguire il viaggio,” ha commentato così Goran Bilic, coordinatore regionale di Save the Children nei Balcani, le nuove restrizioni transfrontaliere nei Balcani che hanno bloccato migliaia di bambini.

“In molti casi, questi bambini hanno dei famigliari che li aspettano in qualche altro Paese europeo, ma visti i tempi lunghi del processo formale di ricongiungimento famigliare dell’UE, scelgono di intraprendere la via irregolare affidandosi ai trafficanti presenti alle frontiere o nelle vicinanze dei campi. L’incapacità di identificare minori particolarmente vulnerabili al momento del loro ingresso in Grecia e durante i loro spostamenti tra Macedonia, Serbia, Croazia o altri Paesi di transito, unita all’assenza di strutture e servizi che garantiscano la loro sicurezza – compresi rifugi sicuri, assistenza e protezione – fanno sì che questi bambini siano esposti a un maggior rischio di abusi, sfruttamento e anche traffico di persone” prosegue Bilic.

“Ai governi europei sembra interessi di più proteggere i loro confini che le persone. I bambini e le loro famiglie arrivano cercando protezione internazionale e l’Europa per tutta risposta chiude loro la porta in faccia e si trincera dietro muri e recinzioni. Le politiche attuali sono una piena violazione della Convenzione sui Rifugiati e del diritto internazionale in materia di diritti umani, che gli stessi Paesi europei hanno promulgato e sostenuto storicamente. Le scene di confusione e caos che stiamo vedendo lungo la loro rotta sono un presagio di ciò che accadrà se i governi europei continueranno su questa linea, con politiche di deterrenza ed esclusione. Solo quando i governi europei metteranno fine alle politiche di ammissione selettiva alle frontiere, la crisi migratoria potrà essere mitigata. Le persone in fuga da violenze e persecuzioni hanno il diritto legale a un processo di asilo giusto e basato sui bisogni, non sulla nazionalità. I governi devono dare priorità urgente a fornire assistenza a coloro che non possono proseguire il viaggio. Questi sforzi devono essere coordinati attraverso tutta la rotta e coinvolgendo le agenzie di aiuto attive sul campo. L’UE deve sostenere la Grecia nei suoi sforzi per soddisfare i bisogni delle persone in transito e dei richiedenti asilo, e non farne un capro espiatorio di quello che si sta lentamente profilando come un disastro umanitario,” ha concluso Bilic.