Nel naso sono presenti antibiotici che uccidono i Super Batteri Killer

By | 15 Ago 2016

L’evoluzione è stata la chiave del progresso del genere umano. Grazie ad esso ,oggi il 90% degli uomini vive in un mondo globalizzato. Medicina, tecnologia, scienze, tutti settori che nel corso dei secoli hanno prodotto dei veri miracoli, grazie ai quali oggi possiamo vivere più che dignitosamente e soprattutto in salute. Esatto, perchè da sempre la chiave della vita è la nostra salute, poco importa se sei ricco o famoso senza la salute non conta nulla.

Ed è proprio l’evoluzione medica che ci ha reso quelli che siamo oggi. Un tempo si moriva con la febbre, con qualche infezione e soprattutto con i batteri, anche i più semplici. Oggi grazie ai vaccini tante malattie sono state sconfitte e la vita si è allungata anche di 20 anni. Tuttavia negli ultimi tempi alcuni virus e batteri stanno ricominciando a riprendere piede. Prima il virus dell’ebola in Africa, poi l’orribile virus Zika che ha colpito il Brasile e l’america del sud, e negli ultimi mesi, la scoperta del batterio killer Mcr-2, con le sue diversi varianti, una delle quali è arrivata proprio in Italia.A quanto pare gli antibiotici su questi batteri killer risultano inefficaci, e l’OMS, secondo alcuni dati statistici, ne è convinta, entro 50 anni ci potrebbero essere fino a 10milioni all’anno di morti causati da batteri.

Antibiotici prodotti dal corpo umano?

Una buona notizia arriva dal nostro naso, esatta! Secondo ricercatori tedeschi, nelle mucose nasali è stato individuato un batterio “buono” capace di eliminare ed annientare alcuni batteri pericolosi. La ricerca è stata pubblicata e descritto sulla rivista Nature, e apre la strada a nuove terapie antimicrobiche.

I ricercatori hanno scoperto il batterio per caso, mentre eseguivano dei test su circa 200 pazienti, potenzialmente colpiti dal batterio dello stafilococco, hanno notato, come nel 10% dei Nasi dei pazienti era presente  il batterio Staphylococcus lugdunensis. Innocuo per l’organismo umano, il batterio buono è stato capace di rilasciare degli antibiotici naturali ed uccidere completamente tutti i batteri nocivi. Successivi test sui topi hanno evidenziato, come il batterio buono sia stato capace di eliminare il batterio dello stafilococco dalla pelle del roditore, consentendone una completa guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *