in Sport

Olimpiadi Rio, Usain Bolt: “Voglio entrare nella leggenda della corsa”

Il forte atleta giamaicano è ad un passo dalla leggenda assoluta nell’atletica leggera. A Rio 2016 punta a conquistare il tris di medaglie d’oro, sui 100, 200 e 4X1000. Nelle ultime settimane Bolt ha dovuto fare i conti con qualche problema fisico, fastidi che però non hanno disturbato più di tanto la fiducia dello sprinter giamaicano: “Nel mondo del calcio forse non ci sarà mai un migliore in assoluto, troppe varianti e troppe differenze storiche, ma nessuno può mettere in dubbio chi sia il più veloce al mondo. Ci vorrà davvero parecchio tempo prima che un nuovo super atleta con un talento pari al mio superi i miei record”.

Bolt ha le idee chiare, l’atleta giamaicano, nonostante i tanti record, non si sente affatto appagato: “Non voglio solo essere il migliore, ma voglio diventare il più grande di sempre. Per riuscirci devo continuare a vincere e questo è quello che mi spinge sempre a migliorare. Sono consapevole che lo sport, non solo l’atletica ha bisogno delle mie vittorie come le mie”.

Bolt, come anticipato in apertura, di recente ha accusato alcuni problemi fisici, ma il “Lampo” ha dichiarato che questi problemi sono ormai alle spalle: “Mi sento bene. Nelle ultime due settimane non ho spinto molto durante gli allenamenti, ma sono contento di essere tornato. Non ho accusato fastidi di alcun tipo”.

Per quanto concerne il suo futuro, stando alle dichiarazioni fi Bolt questa con ogni probabilità non sarà l’ultima Olimpiade: “Secondo il mio allenatore potrei arrivare fino al 2020 se volessi”.

Scrivi un commento

Commento