Pandora: la pubblicità di Natale è un epic fail

By | 7 Dic 2017

L’azienda Pandora ha commesso un grave errore con la sua pubblicità natalizia, pensando di aver creato un qualcosa di simpatico. Milano è tappezzata di cartelloni pubblicitari con la foto dei gioielli del Brand e lo slogan ” “Un ferro da stiro, un pigiama, un grembiule, un bracciale Pandora. Secondo te cosa la farebbe felice?”.

L’ironia del pubblicitario non è stata colta e sono molte le donne che si sono sentite offese da questo messaggio pubblicitario: il brand è stato accusato di sessismo e di voler sminuire una donna, pensando di essere ancora nel periodo Medievale.

A seguito della furia che si è scatenata sul Web, Pandora ha voluto correre ai ripari, postando un messaggio e cercando di spiegare il loro intento, come segue: “Molte di voi hanno visto la nostra campagna Natale 2017 – si legge nel primo post – e le affissioni che coprono tutta l’Italia. Abbiamo notato però che il messaggio a volte è stato frainteso, per questo vogliamo raccontarvelo meglio. Da sempre Pandora ha a cuore le donne e quest’anno vuole aiutarle a trovare sotto l’albero il regalo perfetto. Quante di noi a Natale hanno ricevuto qualcosa di non gradito? Questa iniziativa nasce proprio da una ricerca che ha evidenziato come la maggior parte delle donne a Natale riceva sempre il regalo sbagliato. Auguriamo a tutte voi di ricevere proprio ciò che più desiderate”.

Il messaggio ha suscitato ancora più polemiche ed insorgenze mediatiche, perchè quel “molte di voi” è ancora più offensivo della pubblicità stessa. Il brand danese ha voluto porre fine alla faccenda postando un secondo messaggio per spiegare al meglio intenzioni ed ironia intrinseca della pubblicità stessa.

Ma le donne italiane non si sono fatte raggirare ed hanno dichiarato guerra alla Pandora gioielli, definendoli fuori luogo e senza minimo ritegno. A quanto pare quest’anno, Babbo Natale non porterà alle donne italiane alcun gioiello del noto brand danese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *