Spinaci? No, grazie. Rischio di avvelenamento da Mandragora

By | 9 Ott 2017

Il ritiro degli spinaci surgelati Bonduelle ha scatenato molte reazioni tra gli Italiani, che si ritrovano a domandarsi se ci sia ancora qualcosa di sicuro da mettere in tavola. Un’intera famiglia di Milano si è recata al Fatebenefratelli, dopo aver mangiato spinaci con effetti allucinogeni: dopo i primi esami è emerso l’avvelenamento da Mandragola ed il conseguente ritiro degli spinaci surgelati dai vari grandi supermercati. I due coniugi ed i figli sono stati dimessi senza alcun danno, ma la diagnosi non ha lasciato molto all’immaginazione.

Nonostante la nota azienda Bonduelle abbia negato completamente il suo coinvolgimento, per avvelenamento da Mandragora, il fatto esiste e non è uno scherzo. Sembrerebbe infatti che negli spinaci surgelati, ritirati dal mercato, siano state ritrovate tracce di Mandragora a seguito dell’intossicazione dell’ intera famiglia.

Il Ministero della Salute ha effettuato il richiamo successivamente ai lotti nuovamente ritirati, ma la Bonduelle continua a dichiararsi innocente e smentisce che negli spinaci possono esserci tracce di veleno, a danno dei consumatori. Le analisi sono ancora in corso e non è stata ancora confermata la presenza certa della Mandragora: l’azienda afferma che la missione primaria è che i consumatori non possano incontrare alcun rischio e per questo sono a disposizione per effettuare qualsiasi tipo di controllo, ma sanno per certo di non essere responsabili dell’avvelenamento avvenuto nei giorni scorsi, alla malcapitata famiglia.

Ancora nella giornata di ieri, sono stati ritirati nuovi blocchi di spinaci surgelati nelle confezioni da 2,5 chilogrammi, utilizzati da ristoranti, mense e attività commerciali, che hanno scadenza ad Agosto 2019. Dopo lunghe attese, si sapranno i risultati delle analisi e di conseguenza a chi o cosa, imputare la colpa dell’avvelenamento.

C’è da ricordare, come giusto che sia, che l’avvelenamento è avvenuto a seguito di un pasto completo e di conseguenza le cause potrebbero essere imputabili ad altri cibi. La sicurezza non è mai troppa e complimenti alla serietà della Bonduelle per aver subito collaborato e messa a disposizione.

Un polverone utile o la solita trovata pubblicitaria?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *