Home Italia & Esteri Terremoto: bilancio drammatico almeno 267 morti, molti sono bambini. Si scava!

Terremoto: bilancio drammatico almeno 267 morti, molti sono bambini. Si scava!

Continua lo sciame sismico: in tutto più di 470 scosse. Incerto il numero dei dispersi: «Manca la lista di partenza».

Purtroppo continua a crescere il numero delle vittime del violentissimo terremoto che ha colpito Marche e Lazio la notte del 24 agosto 2016. Il bilancio è drammatico, sono 241 le vittime accertate al momento, tra loro sono tanti i bambini e gli adolescenti. Il bilancio provvisorio è di 267 morti: 184 deceduti ad Amatrice; 11 ad Accumoli e 46 ad Arquata mentre sono 270 le persone ferite ricoverate in ospedale. Lo dice Immacolata Postiglione, capo dipartimento emergenze Protezione civile.

Le ricerche continuano senza sosta, volontari, soccorritori, forze armate, tutti stanno facendo il massimo per cercare di salvare ancora qualche vita. Al momento è assolutamente incerto il numero dei disperi. In molti dei comuni devastati dal sisma erano presenti molti turisti per via delle vacanze estive. Secondo i sindaci locali, nel periodo di agosto tutta quella zona si riempie di centinaia di stranieri, grazie alle bellezze naturali che circondano i paesini.

Continua lo sciame notturno

Come accade in tutti i terremoti di grave entità, dopo la scossa principale (in questo caso di magnitudo 6), arrivano centinaia di scosse minori, chiamate scosse di assestamento. Ancora una volta ad avere la peggio i comuni vicini all’epicentro, Amatrice e Accumoli, in provincia di Rieti, e Arquata del Tronto, in provincia di Ascoli Piceno. La scossa più violenta, di magnitudo 4.5, è stata avvertita ancora una volta alle prime luci dell’alba, alle 5 e 17 con epicentro ad Accumoli. Altri edifici crollati (fortunatamente vuoti) e strade rese inagibili. Fino alle 8 di giovedì 25 agosto l’Ingv ha registrato più di 470 repliche tra le province di Rieti, Perugia, Ascoli Piceno, L’Aquila e Teramo. Oltre 60 di magnitudo 2 o superiore solo nella notte tra mercoledì e giovedì, ma se ne aspettano altre.

foto corriere.it

Terremoto, 267 vittime. La Protezione civile: «Destinate ad aumentare»

Tra soccorsi e vittime 

Il bilancio è dunque drammatico, purtroppo è destinato a salire. Alcune vittime sarebbero cittadini stranieri, sicuro uno spagnolo e due romeni, come confermano le stesse ambasciate. I feriti sono in forte aumento, almeno 400, più della metà sono ricoverati negli ospedali. Gli sfollati dovrebbero essere più 3000. Al momento sul posto ci sono oltre 3000 uomini con centinaia di mezzi. Tra ambulanze, campi medici, cani da soccorso e soprattutto elicotteri. Sono infatti tanti i comuni non raggiungibili con mezzi di terra ma solo in volo. Migliaia sono anche i soccorritori della protezione civile che stanno scavando anche a mani nude per cercare di salvare qualche altra vita umana.

NUMERO SOLIDALE PER DONARE

È attivo dalle ore 15:00, il numero solidale 45500 a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto che ha interessato stanotte il centro Italia.
Grazie agli operatori Tim, Vodafone, Tre, Fastweb, Coopvoce, Wind e Infostrada, è possibile donare due euro inviando un sms solidale o effettuando una chiamata da rete fissa al 45500.