Whatsapp: messaggi inviati per errore possono essere cancellati

By | 7 Nov 2017

Quanti messaggi si mandano, alle persone sbagliate, dall’applicazione Whatsapp? Tantissimi. Da un recente sondaggio è emerso che, il 70% dei messaggi inviati per errore, alle persone sbagliate hanno portato a divorzi o allontanamenti di coppia. Un gran record, considerando che fino a ieri, su questa applicazione, non era possibile cancellare la traccia del messaggio e tanto meno, mentire sul fatto di averlo ricevuto e letto.

Per questo motivo, l’azienda ha ideato e messo in pratica, una nuova soluzione che permetterà, di poter cancellare tutti quei messaggi, inviati per errore.

Ad ogni aggiornamento, nei mesi scorsi, questa funzione era stata inserita nella lista, ma poi sempre mancante. Adesso, grazie alla nuova release, si potrà ricevere l’aggiornamento con la funzione, che tante persone aspettavano, per Ios, Android e – inaspettatamente – per Windows phone.

Lo svantaggio è che, lo start di questa nuova funzione, sia molto lento, tanto da non aver ancora raggiunto tutti gli utilizzatori, nel mondo. Bisognerà pazientare un attimo ancora, secondo le stime, non meno di due settimane.

Questa soluzione, però, ha dei piccoli vincoli: infatti, non bisogna pensare sia la salvezza di tutti i mali e tutti gli errori, che si possono commettere quando si alza il gomito o in un momento di distrazione.

Prima di tutto, il messaggio si potrà eliminare, non oltre i sette minuti dal suo invio. Secondo, se chi ha ricevuto il messaggio, non ha la nuova versione, non si potrà effettuare l’azione.

In quei sette minuti, il destinatario potrebbe aver comunque letto il messaggio: questo non rimane in una bolla, in attesa di decisione finale. Il messaggio raggiunge, come sempre, il destinatario e solo di conseguenza si potrà cancellare, anche se magari già letto.

Fattori a parte, per eseguire l’azione, basterà selezionare il messaggio e toccare il cestino, per l’eliminazione: facile, veloce e salvavita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *