Cani abbandonati: a chi rivolgersi?

By | 5 Gen 2018

Sempre più spesso ci si trova nella condizione di voler aiutare gli animali che sono stati persi oppure volontariamente abbandonati. A volte sono cani adulti, in altri casi intere cucciolate senza una mamma e buttati via come se fossero della merce avariata. Per fortuna esistono dei luoghi e dei numeri dedicati, al fine di poter aiutare questi cani sfortunati e procedere con il loro salvataggio.

A chi fare riferimento?

La nuova legge entrata in vigore, punisce ogni tipologia di maltrattamento sugli animali come da Codice della Strada normativa del 27 dicembre 2012.

Di seguito le differenti modalità e gli enti alla quale rivolgersi come aiuto:

  • In caso di cane ferito si raccomanda la massima attenzione nell’avvicinarlo. In questo caso l’animale è spaventato e sofferente e quindi una sua reazione incontrollata è giustificata. Dopo averlo avvicinato, si dovrebbe cercare di spostarlo in luogo più sicuro – se possibile. Una volta fatto questo contattare il numero di pronto soccorso del canile pubblico della zona oppure rivolgersi al Servizio Veterinario della ASL di competenza (obbligato a intervenire per il ritiro dell’animale non di proprietà).
  • Nel caso l’animale fosse solamente abbandonato, la prima cosa da fare è cercare di avvicinarlo  – facendo attenzione – magari aiutandosi con cibo ed acqua fresca. Una volta fatto questo, verificare se ha una medaglietta con riportato il nome del conduttore con numero di telefono. In caso contrario denunciarne il ritrovamento presso una forza di Polizia o al Servizio Veterinario Usl. Sarà loro cura prelevare il cane e controllare il cip (obbligatorio) oppure se possiede un tatuaggio riconoscitivo.
    Nel caso in cui il cane si trovasse si trovasse in mezzo alla strada avvisare subito la Polizia Stradale al 113 o, per le strade urbane, la Polizia locale.
  • Se si assiste ad un abbandono del cane “in diretta” denunciare prontamente l’atto a Carabinieri o Polizia e fornire tutte le informazioni necessarie per il riconoscimento degli stessi.

In qualsiasi caso prestare sempre la massima attenzione all’avvicinamento del cane: in quel momento potrebbe essere spaesato, spaventato, traumatizzato e affamato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *