Come depilare la vagina? Tecniche e consigli utili

di | 11 Mag 2020

Bush o brasiliana, totale, alla francese, classica o in stile Hollywood: le forme in cui depilare la vagina – così come i metodi utilizzati – sono delle più varie, e il dilemma di quale scegliere si rincorre da decenni. Se una volta però la depilazione delle parti intime era un argomento di cui si parlava solo d’estate, oggi è diventato un vero e proprio “must have” per tutto l’anno.

Che si parli di depilazione, quindi l’estirpazione della parte superficiale del pelo, o di epilazione, l’estirpazione del pelo in tutta la sua interezza fino al bulbo, una cosa è certa: si tratta di una zona più delicata rispetto ad altre, e quindi è necessario prestare una particolare attenzione al prodotto e agli accessori giusti.

Tipologie di depilazione intima

Iniziamo sfatando la diceria che vuole i peli nelle parti intimi come poco igienici: in realtà non è così, infatti la loro presenza protegge la cute da aggressioni esterne come sfregamenti dei tessuti, crea una barriera bloccando il rischio di batteri e infezioni, contribuiscono a mantenere stabile la temperatura corporea e aiutano a ridurre l’attrito durante i rapporti sessuali.

Ma se proprio non vi piacciono, o non riuscite a sopportarlo, potete ricorrere allora alla tendenza più gettonata degli ultimi tempi: è la depilazione totale, ovvero la rimozione totale dei peli per ottenere un inguine perfettamente liscio.

Questo tipo di depilazione è anche conosciuta come Hollywood, perché sembra essere quella più richiesta nel mondo delle star, ma attenzione perché è una tecnica piuttosto invasiva e che quindi è meglio far svolgere da un professionista del settore.

Se questa soluzione è un po’ troppo spinta per voi, potete sempre ricorrere alla depilazione classica, che prevede invece la rimozione solo dei peli che escono dallo slip. Una declinazione di questa tipologia è la depilazione americana, molto simile alla classica ma più sgambata, che prevede di ottenere una forma a triangolo.

Le più particolari fra tutte, invece, sono la ceretta francese, in cui si rimuovono tutti i peli ad eccezione di una piccola strisciolina sul pube, e la ceretta brasiliana, che prevede la rimozione di tutti i peli tranne un piccolo triangolino sul monte di Venere. Queste due tipologie sono anche quelle che danno più libero sfogo alla fantasia: ha spopolato infatti, negli ultimi anni, la tendenza di creare delle forme personalizzate, come cuori o stelle.

Consigli utili

Qualunque sia la tecnica e la forma scelta, la depilazione intima presenta sia aspetti positivi, sia aspetti negativi. Tra i maggiori pregi c’è sicuramente quello della praticità, soprattutto nel periodo estivo, perché questo tipo di depilazione permette di indossare tranquillamente qualsiasi tipo di costume.

Molti affermano anche che una vagina depilata totalmente, o comunque più curata, sia più sensuale e sembra anche che l’assenza di peli renda la zona più sensibile agli stimoli sessuali. Tra i contro, invece, viene sempre citato il dolore: che sia ceretta o laser, la rimozione dei peli nelle parti intime non è certo piacevole (ma dipende anche dalla soglia del dolore, diversa per ognuno).

Un altro aspetto decisamente fastidioso potrebbe essere la comparsa di arrossamenti o pruriti, per questo si consiglia di usare una crema lenitiva dopo la depilazione, e di aspettare almeno un paio di settimane prima di ripetere il trattamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *