Il ristorante dove si mangia nudi, si chiama O Naturel

By | 17 Nov 2017

Sono molte le trovate originali che si possono trovare, in giro per il Mondo. A volte sono una provocazione, a volta una necessità, mentre altre seguono una linea di pensiero audace ma che trova molte approvazioni.

E’ il caso dei due fratelli gemelli Mike e Stephane Saada, che dopo il grande successo, ottenuto a Londra e New York, hanno inaugurato da pochi giorni, il ristorante “O Naturel”  a Parigi in rue de Gravelle, dove si mangia completamente nudi.

La serata di inaugurazione è stata dedicata completamente, alla comunità di nudisti della Francia, ed ha riscosso un incredibile successo. Come da un’intervista rilasciata, dai fratelli Saad: “La prima sera abbiamo invitato solo i membri dell’Associazione naturista di Parigi perchè hanno sostenuto la nostra iniziativa fin dall’inizio, e quindi abbiamo riservato loro la serata inaugurale: aspettavano con impazienza quest’apertura e sembrano essere molto contenti del risultato“.

Ma il ristorante è aperto per tutti, non solamente per chi si avvicina a questa ideologia di libertà. Basterà prenotare, recarsi al ristorante e lasciare tutti i vestiti (compreso l’intimo), all’interno di un guardaroba dedicato. Successivamente, recarsi al proprio tavolo, ed ordinare in tutta tranquillità.

I materiali delle sedie sono anallergici e antitraspiranti. L’unico accessorio, che si potrà indossare durante la cena, sarà il tovagliolo sulle proprie gambe e nulla più.

Non sono mancate le prime polemiche, sul fatto dell’igiene e sul fatto che, durante l’inverno, potrebbe fare veramente molto freddo. I due gemelli, hanno risposto che, grazie alla loro esperienza, hanno saputo adottare delle norme igieniche dedicate ed un riscaldamento a prova di tropici.

Un menù variegato, con prezzi alla portata di tutti: un pasto completo, conta circa 50 euro, vino escluso.

La comunità di nudisti, del mondo, ha moltissimi seguaci e sono tantissime le aree a loro dedicate.

Non ci resta che prenotare e mangiare in totale libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *