Quale scuola scegliere per mio figlio?

By | 19 Dic 2017

Una volta che termina il periodo delle medie, si prospetta – per genitori e figli – il momento della scelta per quanto riguarda la scuola superiore. Tantissimi i dubbi in merito, soprattutto perchè quella è un’età dove si cambia idea facilmente ed il carattere non è ancora pienamente definito.

Tanti possono essere i consigli o le valutazioni non corrette, soprattutto se si pensa velocemente. Infatti, come consigliano gli esperti, sarebbe il caso di anticipare i tempi e valutare quello che possa essere il desiderio del proprio figlio e l’inclinazione o meno dello stesso.

Una domanda lecita, da fare o valutare con il proprio figlio è se dopo le superiori si vuole andare all’Università o si vuole andare direttamente a lavorare.

Come fare a scegliere?

Gli esperti possono consigliare come approcciarsi a questo nuovo step, della vita di un figlio, ma è sempre importante valutare bene all’interno della propria famiglia quelli che sono i desideri di quest’ultimo per la sua vita futura:

  1. La scelta finale spetta al proprio figlio: è giusto che si cominci a prendere le proprie responsabilità, anche nel caso di scelta sbagliata. Nel caso, si avrà sempre tempo di cambiare. Non significa accettare passivamente una scelta o un capriccio, ma ascoltare quelle che sono le sue intenzioni per il futuro o quali sono le sue reali capacità;
  2. Visitare istituti e valutare i professori: vedere prima di decidere, per valutare la struttura, il piano di studi e far vedere al proprio figlio quello che potrebbe essere il suo prossimo futuro. Interagire con i professori e capire se possa o meno quello cercato e desiderato;
  3. Chiedere ai professori delle medie: chiedere un consiglio a quelli che sono i professori attuali, che potranno valutare in base ai voti, all’indole e le preferenze di ogni alunno. Inoltre sapranno indicarvi su cosa un figlio è più curioso o meno interessato;
  4. La serenità: è fondamentale essere sereni ed affrontare questo nuovo periodo di vita, nella maniera più serena possibile. Non è facile e deve essere supportato al meglio, senza frustrazioni o obblighi, ma con la prospettiva che questo sarà l’inizio di qualcosa di bello.

Sostenere il figlio nelle proprie scelte di vita è importante, ma anche indirizzarlo verso quello che sembra il giusto futuro per lui – e non su quello che non sono riusciti ad ottenere i genitori in adolescenza.

Nel caso la scelta si rivelasse sbagliata, orientare il figlio verso una scelta alternativa, senza colpevolizzarlo ma facendogli capire quello che desidera realmente dalla vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *