Diserbante fai da te: le migliori soluzioni

di | 27 Mag 2020

La primavera è un periodo di rinascita per la natura, ma insieme a foglie, fiori e prati verdi porta anche un vero e proprio prolificare di erbacce, che vanno a rovinare, vialetti, ghiaie e spazi verdi della nostra casa. Se state cercando un modo green di evitare questa nascita incontrollabile di erba invasiva, senza ricorrere a diserbanti chimici che potrebbero provocare ulteriori danni e essere deleteri per l’ambiente, sarete contenti di sapere che è possibile realizzare un diserbante naturale.

Bastano pochissimi ingredienti naturali, infatti, per ottenere un composto dall’efficacia simile a quella dei diserbanti chimici, ma con il notevole vantaggio di non rovinare l’ambiente di non andare a uccidere insetti preziosi, e grandi alleati nella coltivazione biologica.

Come realizzare un diserbante naturale

Per creare un diserbante naturale al 100% bastano pochissimi ingredienti elementari e a costo quasi zero:

  • 5 litri d’acqua
  • 1 kg circa di sale
  • un po’ di aceto

Le istruzioni di assemblaggio sono ancora più semplici: basta prendere un secchio e riempirlo della quantità di acqua indicata, prima scaldata fino all’ebollizione, aggiungere il chilo di sale, e dopo che si è creata la soluzione aggiungere l’aceto, poi amalgamare bene il tutto. A questo punto avrete il vostro diserbante pronto all’uso.

Il risultato è incredibilmente efficace, perché l’aceto ha un forte potere di uccidere le erbacce, e già dopo una settimana dall’applicazione potrete vedere i primi risultati e vi accorgerete che le erbacce più comuni – amaranto, cirso, equiseto e parietaria – smetteranno proprio di crescere.

Per un’efficacia ancora superiore, si consiglia di evitare di irrigare il prato per i due giorni seguenti all’applicazione del diserbante naturale, e per lo stesso motivo di evitare di applicarlo le previsioni del tempo segnalano pioggia per i giorni successivi.

E per essere ancora più green, si può scegliere di preparare in casa anche l’aceto: basta procurarsi due litri di vino di buona qualità – deve contenere pochi solfiti –, unirli all’ingrediente chiamato madre dell’aceto (fondamentale per la fermentazione) e lasciarli riposare per un mese in una damigiana dall’apertura piccola.

I due litri, nel corso del periodo di posa, saranno assorbiti dalla madre, quindi di volta in volta sarà il caso di aggiungere nuovamente la quantità di vino che è diventata aceto. Si ricorda che l’acetiera va tenuta in un posto fresco e a temperatura ambiente.

Altre tecniche di diserbanti naturali

Esistono anche altri metodi, tramandati dall’antichità, per evitare la crescita e la prolificazione di erbacce nel giardino, nell’orto o nei prati:

  • spargere il sale direttamente sulle erbacce, prima e dopo averle innaffiate con acqua bollente. Il sale può anche essere spruzzato in modo mirato con uno spruzzatore, riempito di una soluzione composta da 500 ml di acqua e 120 ml di sale.
  • Usare l’acqua di bollitura delle uova: dopo aver cotto le uova, si prende l’acqua ancora bollente e si versa direttamente sulle erbacce.
  • Si dice che un litro di gin, mischiato al succo di due limoni, sia un diserbante naturale portentoso da spruzzare sulle erbacce per eliminarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *