5 cibi da non mangiare per un’alimentazione sana: quali sono?  

di | 17 Feb 2020

Un’alimentazione sana è lo step di partenza per un buono stato di salute e la base per  affrontare un’ attività fisica costante.  Gli effetti positivi si riscontrano a breve termine non solo con uno stato di benessere generale ma anche con un aspetto della pelle più luminoso.

Talvolta, le giornate frenetiche, evitano di prestare attenzione a cosa mettiamo nel carrello della spesa. Così prendiamo cattive abitudini scegliendo anche cibi “spazzatura”.  Questi ultimi hanno poco valore nutrizionale, sono di bassa qualità e con troppe calorie:  un vero attentato alla salute. 

I cibi da non mangiare per una dieta corretta

Ma quali sono questi cibi? Ecco qui un elenco che vi aiuterà ad evitare di portare in tavola alimenti poco sani.

  • NO AI CIBI IN SCATOLA: Una dieta equilibrata esclude quelli in scatola. I contenitori all’interno sono rivestiti con  sostanze anticorrosione come il Bisfenolo A e il BPA.  Carne in scatola, legumi ma anche verdure sarebbero da escludere. La praticità del cibo pronto da consumare deve essere sostituito con la scelta di alimenti freschi, meglio se consumati crudi o con una cottura al vapore. 
  • NO AI CIBI FRITTI: La frittura non dovrebbe essere parte integrante di una corretta alimentazione. Il cibo impregnato di olio può provare rischi per il fegato e la circolazione, oltre a disturbi gastrointestinali. A subirne le conseguenze anche la pelle. Inoltre, il sale che fa sempre da condimento, può essere dannoso per tessuti e organi. L’OMG fissa a 5 g la quota di consumo massimo giornaliero per persona. 
  • NO CARNE ROSSA: Nota dolente è la carne rossa che va  consumata con moderazione, una o due volta la settimana. È importante conoscerne la provenienza e la qualità. L’abuso, a lungo andare,può provocare problemi cardiovascolari ma anche tumori al retto e allo stomaco. Da preferire una cottura alla griglia che almeno preserva  la qualità delle proteine. 
  • NO CIBI RAFFINATI: Aumentare i rischi cardiovascolari, della glicemia e vedere innalzare il livello di colesterolo è quello che si provoca con l’uso di cibi raffinati. Qui trovi un breve elenco: zucchero raffinato meglio noto come zucchero bianco, farina 00, olio di palma, sale, grassi idrogenati. Da sostituire con cibi integrali, sale dell’Himalaya, olio d’oliva e farine di cereali.   
  • NO MERENDINE E DOLCI CONFEZIONATI: L’alto contenuto di zuccheri contenuto sconsiglia vivamente di scegliere dolci confezionati e merendine. Ad essi si associano snack e caramelle. Se si prepara un dolce fatto in casa contiene meno sale e zucchero rispetto a quelli già pronti al supermercato. Tu puoi scegliere la qualità degli ingredienti da usare mentre, quando acquisti un prodotto confezionato, non ne conosci la provenienza. Inoltre, contengono conservanti artificiali  e additivi che non sono un toccasana né per i bimbi né per gli adulti.   

Perché cambiare abitudini alimentari 

La cultura del cibo ci permette di conoscere qualità e caratteristiche di ciò che portiamo in tavola tutti i giorni. Ludwing Feuerbach affermava che“noi siamo quello che mangiamo”, per tale ragione è fondamentale evitare cibi che contengono sostanze nocive per il nostro organismo.

L’uso e l’abuso di alimenti dannosi può provocare malattie,talvolta, molto serie. Educare al gusto di cibi sani, freschi e genuini  permette anche di riappropriarsi anche dei sapori autentici, del profumo del cibo che è nutrimento per il corpo ma anche dell’anima. Diversi studi hanno infatti evidenziato che frutta e verdura aiutano l’umore. Essendo ricchi di acido folico regolano la serotonina, che ha anche un effetto calmante. 

Istruzioni per seguire sane abitudini alimentari 

Per abituarti a scegliere gli alimenti giusti da preparare, per un menù attento alla qualità del prodotto e al suo apporto calorico, devi organizzarti in modo tale che la spesa sia un piacere. Inizia eliminando tutto ciò che è elencato da non mangiare come cibo non sano.  

Fai una lista di cosa acquistare, così da arrivare al supermercato con le idee ben chiare: questo ti consente anche di risparmiare del tempo. Impara per te e la tua famiglia a sostituire l’abitudine degli snack con della frutta fresca o secca. Preparati il pranzo da portare a lavoro e organizza la tua giornata con un menù che possa essere di gradimento per tutti. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *