Bandiera irlandese: spiegazione, colori, storia e origini

di | 14 Dic 2020

Il 7 marzo del 1848, a Waterford per la prima volta venne mostrata la bandiera che da allora in poi, avrebbe simboleggiato l’Irlanda del nord. La stessa bandiera di metà ottocento, è ancora il simbolo ufficiale della nazione ed è costituita in maniera molto simile a quella italiana, con tre doppie strisce verticali. In ordine, verde, bianco e arancio.

Differisce da quella italiana, infatti, solo dal colore arancione, che come sappiamo, è sostituito dal rosso dal nostro tricolore. L’interessante scelta di forme e colori, però, non è certo solo una scelta estetica, ma anzi, racchiude in sé una commovente storia di nazionalità, patriottismo e inclusività. Andiamo a scoprirla.

Un simbolo di unione

La prima cosa da sapere sulla bandiera irlandese di Thomas Meagher è che nasce con l’intento di simboleggiare la pace tra repubblicani e cattolici. L’emblema della pace, in riferimento alla bandiera, è proprio la porzione bianca tra i due colori accesi e la repubblica viene rappresentata col verde (della stessa gradazione dei trifoglio), mentre alla società di tipo cattolico viene assegnato l’arancione.

Il risultato finale è un messaggio di integrazione e di tolleranza che accompagnerà Meagher per tutta la sua vita e nelle sue attività socio-politiche. Anche se le parti coinvolte nell’unione simbolica della bandiera erano le più rilevanti per lo scenario irlandese dell’epoca, il tricolore non volle escludere alcuna tipologia di interpretazione legata al sentimento pacifico e all’unione nazionale.

Anzi, l’emblema invitava all’unificazione di tutti gli irlandesi, senza esclusione di tratti estetici che possano richiamare differenti etnie, di credo religioso e tantomeno di orientamento e attivismo politico. La nascita della bandiera fu qualcosa di importante per l’Irlanda, un messaggio positivo di fratellanza che colpì il cuore e l’animo dei cittadini.

I colori dell’Irlanda: dal simbolo alla bandiera

Anche se abbiamo parlato di bandiera, l’Irlanda, in realtà, è una delle poche nazioni che può vantare ancora oggi un vero e proprio stemma. Il simbolo in questione è composto graficamente da un’arpa dorata in contrasto col suo sfondo a forma di scudo e di bel colore blu intenso.

In realtà, la sua versione a sfondo verde fu la precedente bandiera irlandese, soppiantata poi da quella rimasta ufficiale ancora ad oggi. La nuova bandiera fu già riconosciuta come tale nel 1919 dai cittadini che, ma alla fine nel 1937 divenne, anche per la costituzione, l’unica e sola bandiera ufficiale.

La scelta dei due colori a rappresentazione delle due diverse fazioni è molto semplice e minimalista: l’Irlanda, per molti anni fu un paese particolarmente rurale e fu una mossa molto elegante legare il verde ad un’Irlanda conservatrice cattolica, mentre la società protestante fu rappresentata dal colore arancione perché seguaci degli ideali di Guglielmo D’Orange.