Europei: Questa Italia B che non piace, poco carattere e tanta delusione

By | 23 Giu 2016

E’ stata probabilmente la partita più brutta di questo Europeo, quantomeno lo è stata la prestazione dell’Italia. L’Irlanda, ha giocato la sua onesta partita e probabilmente ha avuto più possesso palla in questa gara che nelle ultime dieci partite disputate, giusto per rendersi conto della prestazione oltremodo mediocre degli azzurri “B”. Non è giustificabile neppure la questione motivazionale, è vero, l’Irlanda si stava giocando il passaggio del turno, con una vittoria sarebbe passata come 4a classificata, tuttavia anche le seconde linee dell’Italia avrebbero dovuto avere, almeno sulla carta le stesse motivazioni. I vari Zaza, Immobile, Motta, Bernardeschi, De Sciglio, avevano l’occasione unica quanto rara di far cambiare idea al ct Conte, di guadagnarsi un posto da titolare contro la Spagna, ed invece è stata una delusione totale. Un primo tempo imbarazzante è voler fare un complimento, gli azzurri hanno concluso 1 sola volta nello specchio della porta. L’ Irlanda ha avuto almeno due buonissime occasioni, bravo Sirigu, il portiere del PSG è uno dei pochissimo che si è salvato.

Insigne

Il folletto Napoletano, atteso dal primo minuto, entra solo al 74esimo. Ma bei 15 minuti giocati ha dimostrato tutto il suo talento, e probabilmente Conte potrebbe farcelo un pensierino per impiegarlo titolare contro la Spagna. Il gioiello Napoletano ha dimostrato come il talento possa fare la differenza, le sue doti tecniche superiori hanno cambiato il volto della partita, l’Irlanda padrona del campo è arretrata, ha avuto paura. Insigne in 15 minuti ha preso un palo, ha dispensato assist e ha dato la giusta scossa alla squadra. Peccato, altra scelta non impeccabile di Conte, come quella di non far giocare El Shaarawy.

 

Spagna

Ora negli ottavi arriva la Spagna, la differenza tra le due squadre è netta, loro palleggiano, creano, hanno il giocatore più forte del mondo, tale Iniesta, noi dovremmo ancora star li a fare barricate e partire in contropiede? Partiamo sfavoriti, questo lo sappiamo, ma la speranza e che questa Italia, riesca ad esprimere un gioco diverso, divertente e magari anche se si perde 3-0 abbiamo giocato a calcio e non guardato gli altri farlo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *