Pensioni: il 63% delle pensioni italiane non superano i 750 euro, male le donne!

di | 3 Apr 2017

La maggioranza delle pensioni erogate in Italia ha un importo più basso di 750 euro: sono il 63,1%. Non solo. Tra le donne va peggio, perché la percentuale sale al 76,5. A spiegarlo è l’Inps nell’Osservatorio Statistico di marzo pubblicato sul sito.

OTTIENI SUBITO IL TUO PRESTITO

Analizzando la distribuzione per classi di importo mensile delle pensioni l’Inps osserva infatti una forte concentrazione nelle classi basse. Il 63,1% delle pensioni ha un importo inferiore a 750 euro.

Questa percentuale, che per le donne raggiunge il 76,5%, costituisce solo una misura indicativa della ‘povertà’, per il fatto che molti pensionati sono titolari di più prestazioni pensionistiche o comunque di altri redditi.

 SONO 18.029.590 LE PENSIONI PER UNA SPESA DI 197,4 MILIARDI

Le pensioni vigenti al 1 gennaio 2017 sono 18.029.590 di cui 14.114.464 di natura previdenziale, cioè prestazioni che hanno avuto origine dal versamento di contributi previdenziali (vecchiaia, invalidità e superstiti), durante l’attività lavorativa del pensionato.

Le rimanenti, costituite dalle prestazioni erogate dalla gestione degli invalidi civili (comprensive delle indennità di accompagno) e da quella delle pensioni e assegni sociali, sono di natura assistenziale, cioè prestazioni erogate per sostenere una situazione di invalidità congiunta o meno a situazione di reddito basso.

L’importo complessivo annuo risulta pari a 197,4 miliardi di euro di cui 176,8 miliardi sostenuti dalle gestioni previdenziali. Oltre la metà delle pensioni è in carico alle gestioni dei dipendenti privati delle quali quella di maggior rilievo (95,7%) è il Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti che gestisce il 48,6% del complesso delle pensioni erogate e il 61,4% degli importi in pagamento. Le gestioni dei lavoratori autonomi elargiscono il 27,3% delle pensioni per un importo in pagamento del 23,7% mentre le gestioni assistenziali erogano il 21,7% delle prestazioni con un importo in pagamento di poco superiore al 10% del totale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *