Smartphon Android e privacy: possono essere violati più facilmente dagli hacker

By | 16 Ago 2016

Privacy a rischio per Android. Secondo Lookout, infatti, ci sarebbe una nuova falla informatica che mette in serio pericolo la sicurezzza e la privacy degli utenti di smartphone e tablet Android (Google). La società specializzata in sicurezza informatica, nello specifico, ha reso nota anche la percentuale degli utenti a rischio: l’80%.. Il sistema Android è basato su un «nucleo» di codice di Linux e quello colpito dalla falla è utilizzato in tutte le ultime versioni del software di Google, dalla 4.4 «KitKat» fino all’ultima «Nougat». Stime approssimative riportano un dato ancora più inquietante: sarebbero circa 1,4 miliardi i dispositivi a rischio.

Google, ha già iniziato i lavori per cercare una soluzione, per evitare agli hacker di violare la navigazione online degli utenti e di spiare il traffico internet non protetto. Gli ingegneri sono al lavoro per sistemarle la falla, ma secondo gli esperti il problema non ha massima priorità. Il bug è stato scoperto grazie alle ricerche dell’università della California e dell’esercito americano. Ars Technica ha riportato la pericolosità di questa falla con un esempio preoccupante: intercettando una connessione non criptata con un qualsiasi servizio su internet, l’hacker può eseguire un popup fasullo che richiede un nuovo accesso ad un servizio generico (mail, social, paypal, ecc…), e tramite questa procedura, se l’utente a sua insaputa fornisce nuovamente i propri dati personali, rischierebbe di subire danni economici su carte di credito o conti online.

In questo momento la posizione di Google è comprensibile, perchè l’attacco potrebbe essere rivolto a utenti sensibili (ad esempio governi o organi di polizia). Il consiglio principale che gli esperti danno è quello di prestare massima attenzione a questi possibili pop-up oltre d eseguire, se possibile, di collegarsi ad una connessione privata e sicura. Sicuramente con le grandi capacità Google nei prossimi mesi correggerà definitivamente il bug anche per le versioni del sistema più datante e sulle successive che saranno presto aggiornate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *