Lisciva: cos’è, come si utilizza, benefici e controindicazioni

di | 12 Dic 2019

Per una perfetta casalinga, le parole pulizia e detersione sono all’ordine del giorno: igienizzare la casa o gli indumenti che si indossano è una delle azioni fondamentali per evitare spiacevoli inconvenienti. Delle volte tuttavia i detersivi, pieni di additivi chimici, non si rivelano il metodo ideale per pulire al meglio perciò, in alcuni casi, è meglio ricorrere a delle tecniche antiche, come la lisciva: oggi scopriamo insieme cos’è, come si utilizza, i benefici e le controindicazioni.Molto spesso ci siamo chiesti come le popolazioni più antiche lavassero le proprie abitazioni o, più semplicemente, i loro capi: uno dei metodi più antichi è proprio la lisciva ( chiamata anche liscivia), un composto di origine naturale comparabile tranquillamente ad un detersivo per la casa. Questo composto naturale è formato prevalentemente da carbonato di sodio, utilissimo per igienizzare, e veniva utilizzato già dagli antichi romani: molto apprezzata in quanto era in grado di sbiancare il bucato conferendogli un perfetto colore candido.

Veniva utilizzata anche per pulire le superfici domestici, poiché in grado di detergere e sgrassare al meglio anche le superfici più sporche e, inoltre, in grado di sconfiggere tutti i batteri al di sopra di esse: oltre ad essere molto economica, per via dei suoi componenti, era rinomata all’epoca anche perché pur usufruendone in piccole dosi, si riuscivano ad avere dei risultati più che soddisfacenti. Questa miscela inoltre, a differenza di molti detersivi aggressivi che tendono a rovinare le fibre dei tessuti, è ottima per il bucato ma anche per la detersione dei piatti anche per quanto riguarda le macchie più difficili.

Vi basterà aggiungerne una piccola quantità nel cestello della lavatrice mentre, per quanto riguarda i piatti, dovrete sfregarla contro la superficie aiutandovi con una spugna al fine di rimuovere anche le incrostazioni o le macchie di unto. Se decidete, inoltre, si realizzarla in casa prestate molta attenzione ai tempi richiesti: ad esempio, se il tempo di bollitura è troppo lungo, rischierete che la forza pulente della lisciva sia troppo aggressiva, danneggiando quindi gli indumenti o le superfici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *